ATTENZIONE: MASCHERINE DI QUALUNQUE TIPO, TUTTI I GEL DISINFETTANTI, TUTTI I PRODOTTI CONTENENTI VITAMINA C      SONO ESAURITI

Stress da rientro? Ecco come un integratore al fosforo può aiutarti

Stress da rientro? Ecco come un integratore al fosforo può aiutarti
Le vacanze sono finite. Le sveglie per il rientro sono state quasi tutte attivate. Le passeggiate in spiaggia o in montagna sono state subito rimpiazzate da traffico mattutino e pullman in ritardo. Come combattere tutto questo stress? Con un integratore al fosforo!

Che cos’è il fosforo?

fosforo contro stanchezza

Il fosforo è un minerale presente nel nostro organismo in quantità abbondanti (pensate che è secondo dopo il calcio). Si trova in maggiore concentrazione nel tessuto osseo e nei denti sotto forma di fosfato tricalcico (85%), in misura minore nel sangue (4%), nel collagene e nel tessuto muscolare (10%) e nel cervello (1%). Perché è così importante? Il fosforo rientra nella composizione dell’ATP (adenosin-tri-fosfato), una sostanza chimica basilare per utilizzare l’energia di molti alimenti che assumiamo. Inoltre, ha un ruolo centrale per la contrazione muscolare, infine regola e mantiene nella norma il pH del nostro organismo.

Stanco? Affaticato mentalmente? Un integratore può aiutarti!

Il rientro è sempre traumatico e tornare a lavoro dopo le ferie non è semplice, per questo un integratore a base di fosforo può correre in aiuto. Essi si trovano in commercio sotto forma di compresse, capsule, fiale monodose o sciroppo. Perché assumerlo? Il fosforo aiuta a sentirsi meno stanchi, a concentrarsi maggiormente, a essere più produttivi sconfiggendo la fatica mentale. Ovviamente prima di assumere qualsiasi tipo di integratore, è necessario chiedere al proprio medico curante la tipologia di prodotto, la durata della cura perché per quanto possano non essere nocivi o creare dipendenza, lungo andare potrebbero causarvi insonnia ed eccitabilità.

fosforo rientro ferie Ricordatevi che curare la nostra routine quotidiana è importante: mangiate frutta e verdura di stagione che danno un grande aiuto ad allontanare lo stress fisico. Oltre a far bene al corpo, anche l’animo ne risente perché sono dei rilassanti naturali.

Lista alimenti ricchi di fosforo

  • Spigola d’allevamento, filetti 1150
  • Orata fresca d’allevamento, filetti 1050
  • Latte di vacca in polvere, scremato 1030
  • Uova di gallina, intero, in polvere 879
  • Latte di vacca in polvere, parz. scremato 879
  • Pecorino siciliano 798
  • Latte di vacca in polvere, intero 728
  • Emmental 700
  • Grana 692
  • Groviera 685
  • Parmigiano 678
  • Formaggino, meno grasso 665
  • Formaggino 650
  • Caciocavallo 590
  • Pecorino 590
  • Pecorino romano 589
  • Uova di gallina, tuorlo 586
  • Merluzzo o nasello, baccala’ secco 562
  • Fontina 561
  • Cheddar 545
  • Provolone 521
  • Formaggio molle da tavola 480
  • Anguilla d’allevamento, filetti 480
  • Melù o pesce molo, stoccafisso secco 450
  • Rana 430
  • Daino 403
  • Farina d’orzo 393
  • Brie 390
  • Ricotta di bufala 380
  • Crusca di frumento 1200
  • Germe di frumento 1100
  • Cacao amaro in polvere 685
  • Tè (foglie) 630
  • Farina di soia 600
  • Soia secca 591
  • Mandorle dolci, secche 550
  • Pistacchi 500
  • Anacardi 490
  • Pinoli 466
  • Fagioli – Borlotti secchi crudi 464
  • Fagioli – Cannellini secchi crudi 460
  • Fagioli crudi 450
  • Fagioli, dall’occhio secchi 430
  • Farro 420
  • Fave secche sgusciate crude 420
  • Ceci secchi crudi 415
  • Lievito di birra, compresso 394
  • Farina d’orzo 393
  • Noci, secche 380
  • Lenticchie secche crude 376

Qual è il fabbisogno giornaliero?

L’assunzione di integratori a base di fosforo è soggettiva e varia in basa all’età, sesso e stato di salute. Bambini e donne in gravidanza, per esempio, hanno necessità maggiori di questo minerale (1200 mg al giorno) dato che è fondamentale per la crescita ossea. In generale il fabbisogno giornaliero è pari a:

  • 500 mg al giorno nei neonati fino ad un anno di età;
  • 800-1000 mg al giorno per i bambini da 1 a 10 anni;
  • 1200 mg al giorno per gli adolescenti;
  • 800-1000 mg al giorno per gli adulti.
Solitamente in un’alimentazione equilibrata, il fosforo è presente in molti cibi che assumiamo giornalmente. Cionostante, in caso di carenza a causa di fratture ossee o lunghi periodi antiacidi, si possono utilizzare gli integratori che troviamo sul mercato. La carenza del minerale si manifesta nel seguente modo: debolezza muscolare generale, perdita dell’appetito, dolore osseo, rachitismo e indebolimento delle ossa. Raramente accade il contrario, cioè l’eccesso di fosforo; in questo caso i problemi potrebbero essere molto seri perché riguardano un malfunzionamento dei reni, ipertensione e problemi cardiovascolari.

Effetti collaterali da sovraddosaggio

Come abbiamo detto in precedenza, assumere in maggiori quantità questo minerale potrebbe causare alcuni effetti indesiderati come:
  • effetti gastrointestinali (dolori addominali, nausea, vomito, diarrea);
  • iperfosfatemia (se avete avuto problemi renali, parlatene con il vostro medico, soprattutto in caso di livelli anormali di fosforo nel sangue);
  • assorbimento di calcio (assumere troppo fosforo può interferire con l’assorbimento del calcio da parte del corpo, elemento fondamentale per mantenere stabili le funzioni e i processi dell’organismo);
  • interazioni (se state assumendo determinati farmaci come: antiacidi, anticonvulsivanti, cortisteroidi, insulina, integratori di potassio, ACE inibitori e/o farmaci per la pressione sanguigna non prendete integratori di fosforo senza chiedere al medico);
  • ipofosfatemia (la carenza di fosforo può portare a: anoressia, debolezza muscolare e osteomalacia).
Come capire se si soffre di queste condizioni? Ascoltate il vostro corpo. Ansia, cambiamenti nell’appetito, dolore e fragilità ossei, articolazioni rigide e stanchezza e debolezza sono tutti segnali importantissimi. Non prendeteli alla leggera.

Quali sono i benefici?

Oltre a essere un valido amico per la memoria, assumerlo con regolarità può essere un aiuto per tenere a bada gli sbalzi di umore dovuti alla menopausa o sindrome premestruale. Altri benefici sono:
  • aiuta l’assorbimento del calcio;
  • previene stati depressivi;
  • migliora la memoria;
  • mantiene sane e forti ossa e denti;
  • in fase di crescita aiuta lo sviluppo corretto;
  • attiva vitamine;
  • aumenta le energie psichiche;
  • tiene a bada gli sbalzi di umore;
  • interviene nella contrazione muscolare;
  • partecipa alla formazione di Dna;
  • aiuta la riparazione cellulare.