ATTENZIONE: MASCHERINE DI QUALUNQUE TIPO, TUTTI I GEL DISINFETTANTI, TUTTI I PRODOTTI CONTENENTI VITAMINA C      SONO ESAURITI

Come misurare la pressione arteriosa meglio del proprio medico

Come misurare la pressione arteriosa meglio del proprio medico

Controllare la pressione arteriosa è un gesto semplice e importante per prevenire l’ipertensione e monitorare le proprie condizioni di salute

Pur essendo positivo che i pazienti siano attiviamente informarti su quello che riguarda la loro salute e le cure a cui devono sottoporsi, è bene ricordarsi che nessuno (zie, amici o internet compresi) può sostituirsi al medico curante.

Comprendere bene però i fattori di rischio vi aiuterà a migliorare significativamente il vostro stato di salute. Per quanto non ci si possa sostituire al proprio medico per diagnosi e cura, prendere coscienza di disturbi e acciachi di cui si soffre, aiuterà a prendervi meglio cura di voi stessi.

Pressione arteriosa, le basi

Considerate il vostro cuore come una pompa, che grazie all'alternanza dei due movimenti, la contrazione e il rilassamento, pompa il sangue nel vostro corpo attraverso il sistema vascolare per rifornire tutti i vostri organi.

I vasi sanguigni che trasportano il sangue dal cuore agli organi più lontani, sono strutture tubulari elastiche chiamate arterie; quelli più esili ma più ramificati che trasportano il sangue nella direzione opposta invece sono chiamati vene.

La pressione arteriosa (o pressione sanguigna) è la pressione esercitata sulle pareti delle arterie che dal cuore trasportano il sangue a tutto l’organismo. La pressione del sangue all’interno delle arterie segue il ritmo cardiaco: aumenta quando il cuore si contrae e diminuisce quando il cuore si rilascia.

“ Si calcola che durante tutta la vita di una persona il cuore sia in grado mediamente di pomare circa centonovanta milioni di litri di sangue. ”


Quando il cuore si contrae e pompa il sangue nelle arterie si dice che esso è in contrazione (sistole). In questa fase, la pressione esercitata dal sangue contro la parete delle arterie è detta pressione sistolica o “massima”.
Terminata la contrazione, il cuore necessita di circa 0,4 secondi per riempirsi nuovamente di sangue ossigenato che arriva dai polmoni. Durante questa fase, di rilassamento (diastole), il sangue continua a scorrere nelle arterie ma la pressione esercitata sulle pareti è più bassa. La pressione in questa fase è detta pressione diastolica o “minima”.
La pressione arteriosa si misura in millimetri di mercurio (mm Hg).

Quando misuriamo la pressione sanguigna quindi dobbiamo misurare due valori: quelli riferiti alla pressione sistolica (detta anche MASSIMA) e quelli riferiti alla pressione diastolica (detta anche MINIMA).

La pressione viene quindi indicata con due valori, ad esempio 130/80: il primo valore è la sistolica, il secondo la diastolica.

Misurare la pressione arteriosa è un operazione semplice ma importantissima per prevenire patologie e problematiche come l’ipertensione.

Perché è importante misurare la pressione arteriosa?

Perché è importante misurare la pressione arteriosa?

La pressione sanguigna è un diretto indicatore dello stato di salute del sistema cardiovascolare.

Il cuore, il cervello e i reni sono organi particolarmente esigenti che richiedono un'efficiente irrorazione sanguigna. Se questa alimentazione è rallentata o viene compromessa (o se la pressione di erogazione è troppo alta), questi organi e le relative arterie è facile che si danneggino in maniera irreversibile.

La prevenzione è essenziale. Proteggere e prevenire i danni prima che questi organi si compromettano è importantissimo per fa si che il danno non si trasformi in emergenza come nel caso di un infarto, un ictus o un'insufficienza renale. Ricordate, la prevenzione è in assoluto più efficace della cura e il processo di prevenzione deve iniziare da quando si è giovani.

Uno studio ha stimato che l'auto-monitoraggio come sistema preventivo, soprattutto se adottato da chi soffre di pressione alta, ridurrebbe il rischio di ictus del 20 per cento e il rischio di malattia coronarica del 10 per cento.

Cosa si intende per una sana pressione arteriosa?

La media dev'essere inferiore a 140/90 (al di sopra è indice di pressione alta).
Ma per semplicità - dimenticate il valore più basso (diastolica) e concentratevi sul valore più alto e più importante (sistolica). La pressione sanguigna dovrebbe essere inferiore a 140 (l'ideale sarebbe tra 120-130 mmHg).

Misurare la pressione sanguigna, poche regole

  • Le misurazioni della pressione arteriosa, devono essere fatte sempre alla stessa ora;
  • Prima di iniziare la misurazione della pressione, è consigliabile stare seduti per qualche minuto ad occhi chiusi e compiere qualche profonda respirazione. Non dovete aver fatto attività fisica o sforzi almeno una mezz'ora prima della misurazione;
  • Niente caffè, alcool, o fumo nei 30 minuti prima della misurazione;
  • Dovete essere il più possibile tranquilli e sereni. Non misurate la pressione se non siete calmi o se siete agitati;
  • Assicuratevi che il bracciale sia applicato direttamente sulla pelle (non sopra i vestiti);
  • Annotate sempre nello stesso posto (in un agenda) i valori delle misurazioni;
  • Per controllare correttamente la pressione dovete prendere i valori due-tre volte la settimana;
  • I medici suggeriscono di fare due misurazioni nell’arco di due minuti, e se tra le due c’è molta differenza effettuatene un'altra. La prima misurazione, non prendetela in considerazione, ma fate una media delle altre due.

La pressione sanguigna dovrebbe essere costantemente inferiore a 140/90 in media. La pressione sanguigna ideale per eccellenza è di 120/80.

Valori della pressione superiori a 140/90 sono da considerarsi troppo elevati e si parla quindi di pressione alta o ipertensione. Se però il soggetto ha una malattia cardiovascolare in atto, i valori ottimali si riducono ulteriormente e non dovrebbero superare 120/80 mm di mercurio.

È imprortante ricordarsi che per ogni 20 unità (mmHg) di aumento della pressione sanguigna sistolica oltre i 120, si raddoppiano le probabilità di un attacco di cuore o di ictus.

misurare la pressione arteriosa i metodi fai da te per tenerla sottocontrollo

Lo strumento che i medici utilizzano per misurare la pressione è lo sfigmomanometro, ma per prenderla comodamente da soli e da casa vi consigliamo un tecnologico sfigmomanometro elettronico.

Pressione alta: cosa dovete sapere sull'ipertensione

La pressione alta incontrollata può portare ad attacchi di cuore, ictus, aneurismi, danni alla vista o danni ai reni. È anche una delle cause più comuni di demenza senile negli anziani, un processo lento, ma con un progressivo danno cerebrale causato proprio da un'ipertensione cronica.

Alcune persone sono più a rischio di ipertensione di altre, soprattutto se non godono di buona salute.

Naturalmente ci sono alcuni aspetti che possono giocare un ruolo decisivo nell'insorgere di questa problematica. Nella maggior parte dei casi, la pressione alta non ha sintomi e non si manifesta in alcun modo, nonostante danneggi i vasi sanguigni. Questo è il motivo principale per cui effettuare controlli periodici e misurazioni regolari è essenziale.

È consigliabile, per uomini e donne, sottoporsi a test sulla pressione sanguigna almeno ogni due anni a partire dai 18 anni d'età.

Ancora oggi la più importante e efficace prevenzione contro l'ipertensione è seguire uno stile di vita sano e una dieta equilibrata. Con "stile di vita sano" si intende una combinazione di diverse abitudini salutari: una dieta equilibrata, praticare dell'attività fisica, ridurre al minimo il consumo di alcol e dedicare sufficiente tempo al sonno e al riposo.

La pressione sanguigna indica la salute del sistema cardiovascolare

L'invecchiamento delle arterie si traduce in un aumento dello spessore delle pareti e a una proporzionale perdita dell'elasticità (come il resto del corpo!). Questi cambiamenti portano a un naturale aumento della pressione sanguigna, appunto legata all'età, che pur essendo fisiologico non dev'essere per questo sottovalutato. La pressione arteriosa deve essere considerata un indicatore o un manometro dello stato di salute generale.

L'alta pressione sanguigna nella maggior parte dei casi denota che qualcosa non va. Una dieta e uno stile di vita non sani sono le cause più comuni del ciclo viscoso della pressione sanguigna e questo è un fattore che dev'essere monitorato e tenuto sotto controllo da ognuno di noi.
I farmaci, soprattutto nei primi stadi, non sono sempre la risposta giusta. Questo perchè affrontando il problema con sufficiente anticipo (prima di incombere in danni irreversibili) è possibile evitare la necessità di sottoporsi a trattamenti più aggressivi in seguito.

I farmaci sono indispensabili per bloccare e intervenire sui danni in corso, ma non sempre sono il trattamento della causa scatenante. Anche nelle persone con danni accertati (come i pazienti con infarto cardiaco) il potere dell'alimentazione e dello stile di vita sano, al di là dei trattamenti medici, può fare unav differenza enorme sulla prevenzione contro possibili ulteriori danni e nel miglioramento della riabilitazione e del recupero.

Qualunque sia la vostra età, se la pressione sanguigna è alta, sentitevi obbligati nel fare qualcosa a riguardo! Siamo sicuri che prendendovi cura del vostro stato di salute, vivrete più a lungo e meglio!

Sfigmomanometri elettrici, misuratori di pressione automatici e non solo

  1. CARDIOPLUS 60OVAL
    CARDIOPLUS 60OVAL
    Rating:
    0%
    Prezzo pieno: 14,50 € Prezzo Eurofarmacia 11,60 €